Pensavo che in effetti, L’ARTICOLO DAVANTI AL NOME PROPRIO, è un’usanza che poteva nascere solo al nord.
Il Filippo, la Giusy, il Giovanni, la Susanna… alla fine suonano bene.

A Roma no.
L’Alfio nun se po sentí.
Se dici il Cesare, l’Augusto, l’Antonio pare un documentario de Alberto Angela e questo perché a Roma, l’articolo davanti al nome, te lo devi merità.
Se dici la Maria, t’arrestano subito, ad esempio.
L’Anna, la Marianna, l’Annina so cacofoniche, non è colpa de nessuno.
Tantomeno il diminutivo, la Nina, quello dopo Cristoforo Colombo è roba da esami de terza media.
La Lella non è che non se po dì, ma a Roma vor dì troppe cose, quindi non conviene.
La Francesca pure pure, ma a Roma so tutte sotto falso nome. Vedrete che se ve informate bene se chiamano tutte Francesca Romana, e LA Francesca Romana è brutto, da fastidio, te fa pizzico ar naso.

E poi de base, c’è che a Roma semo pigri, ce piace sta all’ombra, se dove annamo nun c’è ‘na sedia nun uscimo proprio de casa.
Nel parlà tojemo er più possibile, fosse pe noi useremmo solo tre vocali: oh, ah, eh.
Pe’ chiamacce l’un l’altro, der nome dimo a malapena la prima sillaba pe’ non sprecà fiato, figurate se se mettemo a aggiunge l’articoli.
Nun è cattiveria, è che nun è robba pe’ noi.